domenica 20 febbraio 2011

UNA DEMOCRAZIA VUOTA. Come fare colpi di stato senza che nessuno se ne accorga.

Mi sa proprio che ci avevo indovinato a cogliere quell'immagine di Ercolinosempreinpiedi, questo qui non va giù! E' un guaio grosso . Dunque: ha di nuovo la maggioranza in Parlamento . Una maggioranza di gente che migra da uno scranno all'altro del Parlamento perchè non è favorevole ad un Antiberlusconismo da falchi, perchè gli hanno promesso un posto ancora più remunerato dentro un ministero o come sottosottosottosegretario di qualcun altro, sempre nell'ordine di diverse centinaia di migliaia di euro l'anno, o più semplicemente li hanno pagati in contanti, senza tanti fronzoli. Intanto i problemi degli italiani lievitano, diventano drammatici, ma  loro saranno a posto per la vita dopo queste trattative parlamentari, c'è da fare il colpo grosso e magari sparire su un'isola sperduta.

Con questa maggioranza   Ercolino cosa fa? Le prime cose sono l'immunità parlamentare e la legge sulla separazione delle carriere dei magistrati che servono a lui per non essere più disturbato. Ha proprio a cuore il destino della Nazione , non c'è che dire  Siamo in democrazia e lui si muove dentro le regole della democrazia forzandole un pò da tutti i lati, di continuo, ma senza esattamente sovvertire. In fondo, una volta che il Parlamento, sempre con questa esausta maggioranza, avrà approvato una disgraziata riforma delle carriere dei magistrati e una legge sull'immunità di questi parlamentari, che in buona parte  vantano precedenti penali, tutto sarà stato fatto dentro le regoline della democrazia, ma le stesse nella loro sostanza saranno state sovvertite. Come avere una grossa forma perfetta di parmigiano stagionato e una pattuglia di scarafaggi che cominciano a scavare da un angolino, dove non si vede, dopo un pò vai a toccare e ti accorgi che la forma è rimasta, ma dentro non c'è più niente, solo la crosta, sempre più sottile, e dentro , sempre più scarafaggi a divorare . Una democrazia VUOTA , rimaste solo le regole, non toccate, o sostituite pian piano le strutture, niente più senso dentro. L'era Berlusconi, (chi diceva che era finita?) la ricorderò, se sarò viva, come il periodo della perdita di senso delle parole, delle leggi , delle istituzioni .

.
E' davvero un delitto che la Costituzione dei nostri padri, pensata e messa insieme per tentare di garantirci contro il ritorno del fascismo, ora sia quotidianamente attaccata da banditi ignoranti. La sovranità del Parlamento: fantastico, una volta arrivati in fondo alla legislatura si saranno arricchiti e creati nuovi legami di clientela e di esercizio del potere, ma LEGALMENTE, s'intende, e soprattutto a spese nostre .

5 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Eh già, mi ricorda la banalità del male secondo Hannah Arendt. Ti entra dentro giorno per giorno e non te ne accorgi. Perché la distinzione fra il bene e il male sta nel patto sociale; la morale, l'etica stanno nell'adesione intima ai valori. Se si scolla questa adesione piano piano tutto si sfascia, nulla ha più senso se non il proprio immediato tornaconto, il puro piacere dell'istante, che porta un vecchio ultrasettantenne a copulare con ragazzine minorenni, corrompendole fin nell'anima. Ma che gliene importa, lui ha passato la vita a corrompere tutto quello che ha toccato. Che orrore.

    RispondiElimina
  3. La democrazia per essere richiede l'impegno continuo di tutti quelli che ci credono...
    Bel post, complimenti
    Giulia

    RispondiElimina
  4. Brava Lorenza! Quell'ercolinosempreinpiedi non più un gioco, ormai, ma un vero simbolo di dittatura.
    Un abbraccio,
    Lara

    RispondiElimina
  5. Grazie signore, mi ha colpito questo muoversi fra leggi e regolamenti solo per raggirarli, evitarli, passarci sopra. Un rispetto formale che è solo disprezzo e svuotamento di senso.

    RispondiElimina