sabato 16 aprile 2011

Low energy.

Low energy, questo il titolo di una trasmissione su Rai News condotta stasera , 16 aprile 2011, ore 21,30 circa , da Maurizio Torrealta . Sono piuttosto emozionata e ora provo a spiegare il perchè . Pensiamo all'incidente nella centrale nucleare di Fukushima, pensiamo al referendum che ci attende prossimamente sull'energia nucleare : forse qualcuno lo sa già, in realtà credo siano molti a saperlo, che tutto questo potrebbe essere fra poco tempo un orribile ricordo, perchè c'è già un'alternativa al nucleare. Ho seguito in questi mesi il blog "Ventidue passi d'amore e dintorni", che segue a sua volta la vicenda di un inventore italiano, Andrea Rossi, che si è inventato una macchina, "Energy catalizer" che produce energia con un processo che non è tutto rivelato, perchè ne stanno chiedendo il brevetto. Si sono già accordati con un'azienda greca per produrre queste macchine in serie ed iniziare a venderle alle industrie .

Stasera invece alcuni fisici che lavorano in Italia , Emilio Del giudice , Carpinteri del Politecnico di Torino , un fisico indiano molto simpatico di cui ho fatto in tempo ad afferrare solo il nome di battesimo , Yogendra,  ed un altro fisico sperimentale, hanno spiegato molte cose sulle reazioni "piezo nucleari"  cioè trasmutazioni degli elementi che avvengono in particolari condizioni di pressione. Piezo, dal greco, significa pressione, e io non lo sapevo. Dunque, come spiegarvi? Intanto il Prof. Carpinteri ha parlato della Terra, il nostro pianeta, che in una fase della sua vita era molto ricco di ferro, poi in seguito ad un periodo di forte attività sismica, il ferro è diminuito  a favore dell'alluminio, cioè il ferro perduto era compensato da un aumento altrettanto grande dell'alluminio.
Questo, si scopre ora, a causa di queste reazioni nucleari che hanno trasformato un elemento più pesante , dividendone il nucleo, in un altro elemento più leggero, con conseguente emissione di energia .Reazioni che avvengono nelle zone dove sono presenti le faglie, a causa delle forti pressioni a cui le rocce sono sottoposte.  Questi fenomeni sono dunque già presenti in natura, ed ora i fisici provano a seguire la strada della natura, più soft, invece di quella della fissione (nucleare) o fusione ad altissime temperature (osservata nello studio dei processi che avvengono nel nostro Sole ). Riesco a raccontarvi molto poco, sono argomenti non familiari, ma molto interessanti , e quindi qualcosa, anche nel buio della mia ignoranza, riesco ad acchiappare.

Il prof. Del Giudice ha prospettato la visione di macchine casalinghe che producono energia nelle case, addirittura ogni rubinetto potrebbe avere il suo "riscaldatore", quindi  verrebbero eliminate tutte le grandi e pericolose centrali, a favore di una energia a basso costo, diffusa in modo capillare , non pericolosa, priva di scorie, e , poichè prodotta dove viene usata, senza sprechi e dispersioni . Sapete la storia della fine del mondo nel 2012 , che poi non sarebbe una fine, ma un inizio di un'età dell'oro? A parte il fatto che non ci credo, avendo già sperimentato alcune fini profetizzate e mai avvenute, questa sera , preparata dalle notizie che già conoscevo, ho sentito che siamo ad una svolta molto importante, che potrebbe renderci liberi da molte schiavitù, se lo volessimo. Anni fa parlarono di una cosa del genere a Report, anche allora gli studiosi dissero che i loro studi venivano boicottati perchè ci sono grandi interessi intorno alla produzione di energia . Ora molti fisici hanno condotto esperimenti diversi, ma che convergono tutti nella stessa direzione .Sono tutti esperimenti "impossibili" , cioè non spiegabili con le teorie finora elaborate , e tuttavia una teoria c'è già per cominciare a studiare più a fondo cosa avviene nelle nuove macchine e nel corso delle sperimentazioni. Il prof. Del Giudice ha fatto alcune osservazioni importanti sul modo di affrontare i problemi, sulla necessità di usare un altro metodo di approccio , considerazioni più filosofiche che scientifiche.  Daniele ( Ventidue passi ) riporta nel blog molte interviste e scritti su questi argomenti ed è utile visitarlo.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/03/29/energia-sostenibile-senza-aria-fritta/100774/
http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/04/11/energia-chi-cucina-aria-fritta/103586/

Questi sopra gli indirizzi di un paio di articoli sul problema delle energie comparsi sul Fatto Quotidiano e suggeriti da Franz , (Franz Blog 2) , a tutti suggerisco di cercare su Internet la trasmissione di stasera di Rai News , sotto il nome di Low Energy.  Evviva!

7 commenti:

  1. C'è da sperare, come dicevi, che gli interessi enormi in materia di energia non facciano "sparire" nel nulla soluzioni tecniche che già esistono e che, magari a noi non lo fanno sapere, fioriscono man mano ad opera di tante menti fervide.
    Conoscendo l'umana stupidità non me ne sorprenderei.
    L'interesse di pochi è sempre stato messo al di sopra degli interessi dei tanti.
    Il buon senso. Ecco manca proprio il buon senso.
    Speriamo ne recuperino un pò. Non è mai troppo tardi.
    Ciao

    RispondiElimina
  2. Tutto vero, ma l'uomo è capace di rovinarsi e di inventarsi cose come queste , per salvarsi la vita . Dovevi vedere questi fisici , che si davano la parola l'un l'altro , si chiamavano "caro" , si portavano rispetto. Una boccata d'aria, dopo tutta la cacca berlusconiana .

    RispondiElimina
  3. Grazie del commento su "freedom"

    Purtroppo stiamo vivendo un incubo interminabile,il tutto con la volontà della maggioranza degli italiani,non mi sarei mai aspettato di vivere un'epoca così buia della nostra Repubblica.

    Speriamo nella ricerca scientifica,questa si di primo piano dei nostri ricercatori maltrattati.


    Saluti

    RispondiElimina
  4. Dopo tanto riesco a passare di nuovo e anche lasciare un breve commento. È bello quello che riporti qui Lorenza. Sarebbe davvero stupendo se si riuscisse a utilizazre questi sistemi. Il timore, come sempre è che interessi "superiori" intralcino le ricerche e gli sviluppi di questi sistemi. Spero che in questo caso la diffusione delle notizie e delle informazioni attraverso la rete ci venga in aiuto e che le persone riescano a unirsi nella lotta al nucleare e nel sostegno a queste fonti alternative. Anche se meno "lucrative" per certe persone...
    Ti auguro una splendida domenica e grazie, come sempre, per queste preziose informazioni.
    Cinzia

    RispondiElimina
  5. Ci hai dato informazioni preziose, cara Vitamina. Purtroppo continuo a pensare agli "interessi" di ... altri e non oso ancora sperare. Sarebbe troppo bello!
    Buona domenica di cuore.
    Lara

    RispondiElimina
  6. Evviva davvero! Almeno c'è una (o più di una ) speranza di liberarsi dal nucleare).Grazie per le informazioni : oggi sono più contenta.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  7. beh!, con questi politici che ci ritroviamo, ho ben poche speranze, ho letto proprio oggi il post di : WWW.ERBAVIOLA.COM, e ,,,,, AIUTO!!!!!! non c,è verso, loro pensano solo ai loro privilegi, non certo, e, neanche ai loro figli. Scoraggiata!!!!!

    RispondiElimina