mercoledì 4 maggio 2011

Aquilegia e Kolkwitzia : le Fate in giardino .

Kolkwitzia amabilis : incredibile abbondanza di fiori .
Il profumo è di "polvere" , immaginate una polvere profumata, non mi chiedete perchè , bisogna sentirlo.
Tante piccole bocche venate di giallo arancio.

Cosa si può dire di un fiore così? Complesso , elegante , poetico .
 Belle in tutte le loro forme, le aquilegie che preferisco sono queste dai lunghi speroni.
Questi sono fiori da sottobosco , i colori allora sono piuttosto pallidi e spenti , ma questa varietà fa eccezione .
Se le fate esistono , e dormono nelle digitali, nei penstemon e nei fiori simili, con le aquilegie fanno dei meravigliosi cappellini.
Nella luce della sera.
Un boccio chiuso è una promessa .

11 commenti:

  1. La mia aquilegia è uguale spiccicata a questa tua. Come mi piace.
    I bulbi delle peonie continuano a lavorare, hanno già le foglie e crescono di qualche centimetro al giorno.
    Sono elettrizzata, speriamo che riescano a fiorire alla penombra luminosa del mio terrazzo.

    RispondiElimina
  2. Non so cosa cavolo ho combinato , ma alcune persone , graditissime, le lascia commentare senza controllo , mentre altre,per fortuna , le blocca , finchè io non do il via libera. Bravo però, questo computer! Cominciamo a intenderci.

    RispondiElimina
  3. Cara Vitamina,
    quanto mi piacerebbe poter passeggiare tra le piante del tuo giardino, essere pervasa dal loro profumo e rallegrata dai dolci colori!
    E' davvero incantevole, grazie per questi momenti di magia. :)

    un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Rispondo qui al tuo commento al passero solitario: hai espresso delle sensazioni che avverto nello stesso identico modo. Ho trascorso il fine settimana partecipando ad un seminario con la steineriana Anna Mattei di Firenze, bravissima. I tuoi fiori coronano il tutto!

    RispondiElimina
  5. Il tuo giardino è già bellissimo, pieno di colori e di fiori. Tutte bellissime, il le aquilegie è favoloso!!!

    RispondiElimina
  6. La tentazione è forte.Anch'io come Iulia vorrei passeggiare nel tuo giardino con te che mi racconti delle fate che vivono nelle digitali. Nel mio giardino bruxellese non ce n'è nessuna. Tanto verde ,ma fiori pochissimi,però sotto un vaso ho scoperto un rospo. Spero che sia un principe.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  7. Mi piace l'accostamento dei fiori alle fate, soprattutto i cappellini di aquilegia. Bello!
    Grazie Vitamina!
    Ciao,
    Lara

    p.s. Anch'io ho trovato, come Grazia, un rospo sotto un vaso :)

    RispondiElimina
  8. Noi abbiamo trovato un rospetto in un acquaio di pietra , non si capiva come c'era arrivato ,mia figlia gli ha ridato la libertà accanto alla vasca dei pesci. Tutto ormai accade intorno alla vasca , equivalente a Palazzo Grazioli. Berlusconi ancora non l'ho trovato. L'avranno mangiato i pesci rossi ?

    RispondiElimina
  9. Le aquilegie sono generose, fioriscono a lungo, e hanno delle foglie simpatiche, tondeggianti. L'accostamento alle fate e al mondo degli elfi del bosco è quanto mai indovinato!
    Rane, rospi cantano che è una bellezza la sera e la notte, ma ormai non ci faccio più tanto caso: addirittura d'estate si fanno il bagnetto nella piscina, che furbette!
    Le tue foto sono sempre più belle!

    RispondiElimina
  10. Da noi il bagno in piscina non si può fare, non c'è la piscina! Ma c'è la vasca dei pesci e l'Innominabile cane dell'Innominata c'è entrato , ha fatto due giri a nuoto , è uscito e i pesci non si son fatti rivedere fino al giorno dopo.

    RispondiElimina
  11. Macchè, è una piscina smontabile, mica una vera, ma d'estate ci salva dal caldo afosissimo. Poveri pesci, il cagnolo li ha terrorizzati...

    RispondiElimina