venerdì 13 maggio 2011

News from Vitamina's garden.

Qualche foto d'insieme, il giardino non è solo , per me , entrare nei fiori, ma soprattutto vivere con loro, anche quando i fiori non ci sono.
Stanno succedendo un sacco di cose, non come quelle che racconta la TV , è il microcosmo che è in movimento! Intanto è sparito "quell'omo" (il merlo) , e attendiamo speranzosi di risentire il canto tipico , una breve frase musicale, a cui ci aveva abituati. O la su' moglie l'ha messo al pezzo , o l'ha chiappato la gattina Pipa Codastorta. Abbiamo trovato delle penne grigie , anzi (macabra!) un'ala intera , ma ci vorrebbe Sherlock Holmes per stabilire se siano di merlo o di storno .
Ieri sono venute delle persone a trovarci . Ho così scoperto che una donna con un pò di tacco rischia di rompersi l'osso del collo per la paura di scendere la scaletta di pietra realizzata con le mie mani  l'anno scorso.
E dire che mi pareva tanto agevole.
Neanche la vasca dei pesci, che mostro come un gioiello o un figliolo , è piaciuta tanto . Tanti animalini sopra ! (Era una sporadica nuvola di moscerini, mai vista prima lì ) . Pazienza : io l'apprezzo moltissimo la mia vasca , le libellule turchesi iridescenti , lievi come spiriti e preziose e la panzer volante Panciazzurra , che minaccia anche me .
Uno scorcio dall'alto, un angolino obliquo da cui mi piace osservare . MI piace il riflesso dell'acqua fra i rami e le foglie del noce.
Apprezzo l'acqua verde e i pesci rossi che si divertono molto sotto le foglie di ninfea, i girini indaffarati tutti testa e coda , le gambusie e le rane che fanno finta di non sapere che le hai viste benissimo , aggrappate alle erbe ossigenanti. Soprattutto l'apprezza l'innominabile cane dell'Innominata , che tutte le volte che viene ci entra dentro e riesce a fare due vasche a nuoto, suscitando in me il pensiero "Ma quanto avevo scavato per starci dentro tutta quell'acqua da far nuotare un cane di più si 60 kg?"

Fioriscono due peonie : Gay Paree ( Forse "allegra parata" ) e Bowl of Beauty . Sono talmente belle e allegre che quando fra pochissimo avranno finito mi verrà da piangere.
Fiorisce in pieno la rosa Pat Austin e vicino a lei la Madame Pierre Oger e la Nuits de Young . Tre colori, arancio ramato , rosa antico in varie sfumature e un bordeau che va sul viola scuro e vellutato. Mi avevano detto che era azzardato mettere l'arancio vicino al bordeau. Ci ho ripensato , quante centinaia di anni sono che i monaci buddisti si vestono di arancio e bordeau? Super collaudato , come abbinamento.

Aquilegie in frotta nella luce della sera.
Fuori del cancello un arbusto fa l'effetto del giardino del male ( quello di Arcore ) tutto coperto di ragnatele sembra secco . Ce n'è un sacco in giro in queste condizioni , è Evonimus Europaeus , un cespuglio spontaneo , bellissimo in autunno per le bacche che sono rosa fuori e arancio all'interno del rivestimento, anche queste non scherzano, come abbinamento . Le ragnatele le producono dei piccoli bruchi , ho l'impressione che siano gli stessi che mangiano le querce , devono svernare sull'evonimo e cibarsi sulle querce, maledetti!

Loretta, "Un roseto in via Cerreto" , prima dello svinamento della piattaforma di Blogger, per cui si sono persi i commenti ,  sono riapparsi nomi indesiderati  e sono spariti dei post, Loretta, dicevo , mi ha chiesto se conosco i "Giardini Toscani " del Casentino . Certo che li conosco !

Dato che non so se Loretta abbia fatto in tempo a leggere il commento , scriverò qui la risposta .
Hai presente la Maxi, la mia amica mezza fata di cui ho scritto qualche volta?
Bene, il vivaio "Giardini toscani" è dalle parti di casa sua e lei ci ha lavorato per un periodo .
La mia impressione assolutamente personale e non condivisibile è che sia una cosa dissennata e per niente ecologica andare a disboscare pesantemente un pezzo grande di bosco , sempre stato bosco quindi pieno di sassi e radici , in forte pendenza , e tagliarci anche delle strade , che in genere finiscono di distruggere il resto, per impiantarci un vivaio lontano dai paesi e da qualunque cosa. L'idea è venuta non a caso ad una signora americana , che ha chiesto e ottenuto contributi pubblici per realizzarlo ( forse della comunità europea).
Qui da noi lo straniero , nelle sue varie forme , ha un fascino irresistibile . La mia impressione è che quando uno straniero (proveniente da USA, Canada, UK , Germania , perchè ovviamente questo non vale per gli extracomunitari)  entra in un pubblico ufficio la mente degli impiegati vada in brodo di giuggiole , qualunque cosa dica o chieda diventa verbo divino.

La stessa cosa poteva essere realizzata in un terreno di pianura , o più agibile. Se tutti si mettessero in testa di fare simili operazioni nei nostri boschi ,sarebbe tutto distrutto in breve tempo . Ci saranno senz'altro motivazioni valide che io non conosco , la mia impressione nasce dall'aver visto questo terreno difficile, recintato, pieno di erbacce e sassi (massi) , deserto , neanche un'anima viva, alcuni iris fioriti e rari ciuffi di vegetazione che si poteva pensare fossero peonie. Di toscano solo l'ubicazione , e questo a me che sono toscana da generazioni da un pò fastidio. Tutti stranieri, la proprietaria e tutti i dipendenti extracomunitari.
La vasca comincia a rivestire i bordi e ad integrarsi del tutto.

Che si usi la Toscana solo come un marchio mi urta. Da lì avrei pensato che non potesse uscire niente di buono , invece  all'Esselunga ho trovato in vendita vasi di iris firmati Giardini Toscani , forse è questo a cui si riferisce Loretta. Non li ho comprati perchè di solito io e l'Innominata li compriamo al Giardino degli Iris a Firenze, che è anche un modo per sostenere l'associazione che se ne occupa . E' sufficente?
Magari ci scambiamo le mail, così si continua a chiacchierare in privato. Dimenticavo:questa signora organizza una giornata di "vivaio aperto" con pasticcini , tè ecc. ora a maggio , ma per vari motivi non ci son mai potuta andare .

Osservazione : la primavera ormai profondamente inoltrata rimane, qui da noi , molto asciutta . Cominceranno , da parte mia , i vari riti propiziatori per la pioggia ,tutti intimi e nascosti, perchè sennò si mette male. Capisco sempre perfettamente le popolazioni che fanno processioni , danze tribali , amuleti per chiedere l'acqua dal cielo, io non faccio queste cose, ma devo cominciare , perchè dentro di me sono così. E' inutile negarlo.

11 commenti:

  1. Sempre bello dare una sbirciata al tuo giardino. L'abbinamento arancio-bordeaux trovo anch'io sia bellissimo e come dicevo nel commento al precedente post, ahimè fagocitato dal casino che ieri si è abbattuto su blogger, in natura non esistono abbinamenti di cattivo gusto. La cosa buffa è che spesso, riprodotti dall'uomo, questi stessi abbinamenti possono risultare improbabili. L'hai notato?
    Saluti affettuosi (e speriamo che almeno questo commento non sparisca)

    RispondiElimina
  2. Mammamia, che bello il tuo diario, dovresti scrivere un libro, perchè riesci a far visualizzare e a far sentire i profumi di ciò di cui parli, e le persone poi,,, mi sembra di conoscerle pure io!!! grazie Maria

    RispondiElimina
  3. Sono d'accordo con l'anonima Maria che mi ha preceduta...ho trovato il tuo blog da pochissimo e già mi sembra di essere quasi di famiglia...comunque riscontro parecchie cose in comune, nel modo di sentire. Tu però hai il dono di saperle raccontare, cosa che io non ho.

    RispondiElimina
  4. I tuoi racconti e le foto mi trapanano il cervello illuminando the "dark side of the moon" - la faccia nascosta della luna - cioè del mio cervello - tutto ciò che ho nascosto nel cuore, quello che mi piacerebbe essere nella prossima vita e che non sono riuscito ad essere in questa.
    Ovvero un ricco possidente che si sveglia la mattina e va a potare le rose ed a curare il suo giardino.
    L'ultima foto - quella del "laghetto" mi ha colpito particolarmente.
    Come vorrei averlo qui e metterci le mani dentro.
    Farei ciak ciak nell'acqua come i bambini.
    Un paradiso terrestre.
    Dov'è il melo? Il frutto proibito?
    Magari c'è anche Eva da qualche parte, nascosta tra le frasche!
    Ciao Lorenza
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  5. Ciao Lorenza, mi pareva infatti che fosse sparito il tuo commento! Ma come è possibile?

    Grazie per questa passeggiata attraverso il tuo giardino. Piacerebbe anche a me avere un piccolo biotopo, ma non ho spazio e poi avrei anche timore per via dei miei nipotini, dovrei stargli sempre appresso. Magari, se riesco ad acquistare il terreno accanto al mio, quando saranno più grandi.

    A presto
    Cinzia

    p.s. Lorenza, non puoi più ignorare gli inviti a scrivere un libro!!!

    RispondiElimina
  6. Che voglia che avrei di tornare in Toscana e fare una passeggiata nel tuo giardino, magari intorno alla vasca dei pesci con le libellule che ci svolazzano (si dice svolazzano per le libellule?) intorno.Hai bisogno di pioggia? Anche qui sono dieci giorni che non piove ( e per il Belgio è un record) e già molte piante, che hanno bisogno d'acqua, sono ingiallite.La pioggia qui fa parte del ciclo vitale,come il cielo grigio o il fresco durante la notte.Se fai una danza propiziatoria avvertimi che quasi quasi mi accodo.
    A presto ( e il libro scrivilo davvero,)
    g

    RispondiElimina
  7. Ciao a tutti ! Gianni! Devi venire a trovarmi , se state tutti , te moglie e bambini , nella mia camera per gli ospiti vedrai che il posto è piccolo, piacevole , ma senza cumuli di spazzatura . Poi qui Barbie Luci di stelle ( ricordo bene?) non è ancora arrivata. Alle 21 di domenica sono di ritorno da un seminario sulle costellazioni familiari ( seminarizzo anch'io, Pia) che mi ha quasi convinto a cercare strade per il mio libro -diario d'infanzia che è quasi pronto , con una piccola revisione . Attende da...14anni? Se qualcuno ha suggerimenti su come potrei fare , su che casa editrice interpellare , sono qua , sempre stata pessima manager di me stessa, è ora di ricominciare daccapo .Il commento l'avevo letto , Duck , ero rimasta sconvolta perchè Blogger aveva messo , al posto di Duck, un altro nome .

    RispondiElimina
  8. Ciao Lorenza, grazie dell'invito. Sei molto dolce. Ma è un periodo che siamo troppo impegnati a contare soldi e fare le mazzette di 500, di 200, di 100 e di 50 euro.
    Ogni 100 bigliettoni mettiamo la fascetta e ci scriviamo l'importo. Come in banca.
    Così è tutto bello ordinato e quando dobbiamo comprare qualcosa non perdiamo tempo a cercar soldi nel portafogli e non ne facciamo perdere agli altri.
    Ci libereremo credo per la primavera 2012.
    Se l'invito sarà ancora valido, se non ci sarà stata la fine del mondo, se altri iris avranno colorato il tuo giardino, se per parlare con te non dovremo fare la fila per chiedere la dedica al tuo libro, se ci faranno passare alla frontiera, se quel laghetto nella foto non sarà diventato una piscina olimpionica ... allora saremo onorati di essere tuoi ospiti.
    Teniamoci in contatto.

    RispondiElimina
  9. A tutti questi "se" dico: magari ! E me ne vado a dormire, domani c'è il secondo round delle costellazioni familiari. Ma guarda te se come regalo di compleanno pago dei soldi per passare mezza giornata a piangere preda di numerose e svariate emozioni!!

    RispondiElimina
  10. Che meraviglioso giardino!!! Fantastiche foto davvero emozionanti.

    RispondiElimina
  11. Allora anche se in ritardo auguronissimi di buon compleanno.
    Spero che le lacrime versate abbiamo lavato via polveri che stagnavamo nel tuo animo e abbiamo innaffiato e fatto germogliare nuove energie positive.
    Grazie per la ripresa sui Giardini Toscani, avevo fatto in tempo a leggere.
    Te l'avevo chiesto perchè caso mai avesse fatto ancora un porte aperte avrei preso due piccioni
    (uno si chiama Vitamina ) con una fava.
    Ciao ciao

    RispondiElimina