domenica 20 novembre 2011

Il piccolo libro dell'ombra.

Il laghetto in autunno.


Ho trovato in camera di mia figlia, nel tentativo di mettere in ordine, perché sembra ci sia scoppiata una bomba, un librettino che deve essere stato pubblicato con un numero dell'Espresso:
 Robert Bly ," il piccolo libro dell'ombra". A pagina 13, dopo alcune pagine di introduzione, dice che il corpo umano proietta un'ombra, più la luce è brillante, più l'ombra è scura. "Genitori e insegnanti ci spingono a sviluppare il lato luminoso della personalità, a occuparci di argomenti illuminati dalla ragione, come la matematica e la geometria, e ad avere successo. La parte oscura della personalità allora non viene nutrita e diviene sempre più affamata. Che cosa facciamo allora? Inviamo un corvo."


Questo Robert Bly è un poeta che si misura con temi della psicologia del profondo con le armi del poeta. Una sua poesia:

La colomba ritorna: non ha trovato dove posarsi.
Tutta la notte ha volato sui percossi flutti,
nell'oscuro sottoponte
condividerà il letto con la tigre;
datele pace.
La rondine dalla coda biforcuta lascia la tolda all'alba ,
rondini blu tornano al crepuscolo.
Il terzo giorno il corvo volerà.
il corvo, il corvo, scuro come il ragno,
il corvo troverà nuovo fango su cui camminare.


Il solanum Rantonetti

Un'altra:

Quelle grandi distese di neve che si fermano improvvisamente a due metri da casa...
pensieri che vanno solo fino ad un certo punto .
Il ragazzo lascia la scuola e smette di leggere libri;
il figlio lontano smette di telefonare a casa.
La madre depone gli arnesi e smette di fare il pane.
E la moglie guarda il marito una sera ad una festa
e non lo ama più.
L'energia lascia il vino e il ministro cade
nell'uscire di chiesa.
Non si avvicina di più;
colui che sta dentro si ritrae , le mani non toccano nulla e stanno al sicuro.
Il padre piange il figlio morto e non esce dalla stanza dove si trova la bara.
Abbandona la moglie e lei dorme sola.
Il mare si gonfia e ricade per tutta la notte.
 La luna continua
a percorrere i distaccati cieli da sola .
La punta della scarpa ruota nella polvere ...
e l'uomo dalla giacca nera si volta e scende giù dalla collina .
Nessuno sa perché è venuto, né perché è tornato indietro senza salire la collina.

Pergola e panchina tutto riciclato.

L'Ombra.

Una delle storie contenute nei libri di Mary Poppins è quella della notte di Ognissanti, la notte delle Ombre. Notte di Ognissanti, così veniva tradotta nella versione di quando ero bambina che ancora conservo in casa. Erano tre libri, mi manca il primo volume, prestato ad una bambina di cui ricordo il nome che non me l'ha mai restituito. Ancora provo l'impulso di telefonarle e richiederglielo. Mi piace moltissimo Mary Poppins. Non la perfetta, pure amatissima, Julie Andrews del film, ma la bambinaia severa e bruttina, con i piedi a papera e le gote rosse del libro. Questa vera Mary Poppins porta spesso, con la sua guida, i bambini Banks nei territori dell'Ombra. La notte della Vigilia di Ognissanti li porta a vedere la festa delle Ombre che, una volta all'anno, si liberano dai corpi e se ne vanno in giro da sole. Ballano e si divertono nella notte, fanno pazzie! Ma qualcuno si sveglia nel cuore della notte e alla luce della lampada si accorge di aver perduto l'ombra. Va a cercarla disperato, senza la sua ombra, senza l'immagine oscura che si piega e striscia sotto di lui alla luce del sole o della luna, o solo di un lampione, non è più nessuno. Torna, ombra mia! Senza di te non esisto.

8 commenti:

  1. Gode billeder.
    Hvor har du en smuk have.
    Tak for kigget.

    RispondiElimina
  2. Oddio! Un commento dalla Danimarca ! Troppa emozione!

    RispondiElimina
  3. Immagini e parole stupende. Buona settimana Vitamina!
    Saluti carissimi
    Cinzia

    RispondiElimina
  4. Cara, questa mattina come spesso faccio, sono passata tra le tue pagine e mi sono fermata, ma per me è una mattina particolare, giovedì ho perso mia madre e sabato abbiamo fatto il funerale
    ora sono qui, in casa sua, è la prima giornata che passo nel silenzio, senza le voci dei parenti e degli amici ed il mio pianto è stato diverso, oggi.
    Ho letto il tuo scritto, quel libretto io l'ho molto amato in un periodo della mia vita difficile ed ora lo sto cercando per riprenderlo tra le mani.
    Sulle spalle mi porto un sacco enorme pieno di tanti aspetti miei che ho voluto mettere a tacere per anni per far contenti tutti e negare, così me stessa.
    Grazie per avermelo fatto ricordare
    A presto
    Adele

    RispondiElimina
  5. Cara Adele,anche la mia mamma è morta a febbraio di quest'anno e capisco quello che provi , anche se poi ogni storia è diversa . Vuotalo quel sacco, almeno per sapere che c'è dentro , spero per te che sia occasione per un altro inizio pieno di cose buone.

    RispondiElimina
  6. Ciao Vitamina, vedo che il tuo giardino ha retto
    magnificamente il periodo siccitoso.Molto scenografico il tuo solanum.
    ( Troppo forte lo scoppio della bomba, e come a casa mia).
    Riciao

    RispondiElimina
  7. Cara Loretta , il periodo siccitoso non è mai finito, si è solo fermato l'effetto per via delle temperature . La terra è un pò bagnata in superficie e si sta seccando di nuovo . Il giardino è abbastanza in ordine , quello sì, perché ci ho lavorato.

    RispondiElimina
  8. Mi piacciono i tuoi post che procurano emozioni difficili da definire. Mi piaccino anche le foto.. il tuo giardino ha ripreso vita, a quanto vedo, e ne sono contenta.
    Alla prima pioggia autunnale, ho pensato al tuo giardino che, a zolla screpolata, poteva finalmente dissetarsi.
    Ciao!

    RispondiElimina