giovedì 10 novembre 2011

TEMPI MORTI.

Quando capita di finire all'ospedale, per se o per gli altri , e non è chiaro quello che ci ha preso , da che malattia siamo affetti, cominciano a farci degli accertamenti , e noi aspettiamo . Completati gli esami magari siamo arrivati  a giovedì e ci dicono che niente negli ospedali inizia il giovedì, perché domani è venerdì e la settimana finisce, tutto si rimanda al lunedì dopo . Noi pensiamo che il male, qualunque sia , non aspetta dentro di noi di far danno , ma ci sono dei tempi di attesa che appaiono necessari, e intanto il male procede e si fanno solo azioni palliative, flebo , antidolorifici , che alleviano ma non risolvono niente . Subiamo questa cosa come un accidente più o meno naturale che accompagna quello più grosso che ci è capitato e ci riempiamo di  nervosismo, senso di impotenza e paura , con la certezza che la situazione peggiora, ma è così e non si può far nulla.
Ci sono dei tempi morti .
Gli stessi tempi morti abbiamo vissuto e stiamo vivendo ora nella nostra infelice situazione politica, solo che qui il monitoraggio , a fini informativi , avviene continuamente , siamo informati minuto  per minuto del valore dello spread , sappiamo che , durante questi tempi morti, la nostra vita di domani peggiora a vista d'occhio , e intanto Ercolino scrive lettere vaghe all'Europa , fa discorsi ottimisti alla popolazione, e ripete che il malato sta bene, non è malato affatto , sta così bene, in salute e in soldi,  da poter andare in vacanza e al ristorante .Ora si sta ritirando e i tempi morti sono morti solo per noi, per lui e i suoi sono ancora tempi attivissimi, in cui si tessono nuove alleanze e si creano legami per tentare di conservare il potere , in fondo sono stati eletti e hanno avuto la maggioranza, che forse si può ricostituire, o perlomeno si può tentare di imporre , in un governo tecnico, il ministro della giustizia che c'era prima, che guardi gli affari privati di Silvio , come hanno fatto tutti finora  ...  sono pericolosissimi i  colpi di coda , le azioni che metteranno in essere , lui e i suoi, per conservare il potere e il denaro che hanno accumulato , unici a crescere in Italia in questi anni. C'è ancora da vederne delle belle . Per questo non mi viene da ballare la rumba come avevo previsto . In una democrazia svuotata , dove ha pasteggiato una flotta di scarafaggi finora lasciando solo scheletri e gusci vuoti , non si può esser allegri. Inoltre ancora ci sono i loro uomini nelle aziende pubbliche e soprattutto alla Rai , e dovrebbero sinceramente andarsene al più presto , almeno da lì. Ieri sera c'era Vespa in prima serata e la faccia di Alfano , eroe commosso . Non voglio sapere il tenore della trasmissione , me l'immagino, fino all'ultimo si continua a giocare ai cortigiani .
Mia figlia  appena laureata sta cercando lavoro, io sto cercando lavoro da parecchio tempo.
In molte famiglie si sta valutando se fare una cura (indispensabile) dal dentista , o andare dall'oculista , o andare da un altro specialista o rimandare proprio tutto . Soldi non ce ne sono per il medico, figuriamoci per il ristorante e le vacanze .Non ce ne sono per pensare di mettere su famiglia , non c'è visione del futuro.

Ma nelle sue televisioni le pubblicità e i salotti animati da parenti ed amiche intime rimandano una irrealtà dove le donne sono tutte belle , tutte vanno dal chirurgo estetico e tutte parlano come nelle fiction americane. L'alluvione esiste solo se fa audience .  Quando sarà finita, e chissà che coda lunga avrà, spero che ci si ricordi e si limiti il suo piccolo mediocre impero televisivo , che gli si tolga per esempio la frequenza di rete 4 ottenuta illecitamente , che spariscano i suoi leccapiedi dalle reti Rai, perché tutta la cosa è iniziata dalle televisioni e potrebbe ricominciare , non siamo mai abbastanza vaccinati ,alcuni non sono vaccinati affatto,   il danno che ci ha prodotto è incommensurabile , non lui solo, insieme ai suoi fidi Cicchitto, Letta , Verdini , e tutti quelli che son già scappati verso l'UDC , ricordiamoci i nomi , delle varie ministre e sottosegretarie, ricordiamoci l'incompetenza  e il danno prodotto e la loro fedeltà assoluta al regime , non votateli più. Facciamo sparire la Garfagna , che non torni neanche in televisione, facciamo sparire la Carlucci , la Brambilla ,  la Gelmini, che se ne tornino nell'anonimato. La mia amica Strega dice che ho una visione chiara , e invece in questi frangenti mi duole riconoscere di avere davvero una visione annebbiata e di sentirmi piena di frustrazione per questi "tempi morti" in cui ancora si gioca col nostro destino , come se fosse una partita a scacchi. La mia amica Maxi mi ha detto tempo fa che noi non soffriamo , abbiamo da mangiare , non ci manca ancora nulla . Le ho dato ragione, ma poi ho pensato ai ragazzi e alle loro vite , e ho capito che non aveva ragione per niente .

10 commenti:

  1. Diciassette anni da incubo e alla fine " ghe pensi mi" assieme ai suoi compari di merende è riuscito a farci precipitare nel baratro privando tre generazioni di un futuro e in molti casi addirittura del piatto in tavola.

    RispondiElimina
  2. Si, la situazione è quella descritta, una realtà sociale che ha visto unite le forze di economie emergenti alla superficialità ed al concetto di impunibilità della classe politica ed in primis dei suoi esponenti e che ha portato allo "sfacelo", non solo in Italia.
    Dovremmo avere più memoria, e ricordarci perchè subiamo da 15 anni, e l'intermezzo è stato breve ... si perchè mentre qui ad ogni problema si metteva una poltrona in più... nell'intermezzo hanno giocato al gioco della sedia, hanno litigato per quelle poche che c'erano, e non hanno avuto la diligenza di legiferare, hanno evidenziato le disuguaglianze dei programmi nel perdere spesso la maggioranza ed andare altrettanto spesso al voto di fiducia.
    Non gli restava che dimettersi, anche perchè all'interno non vi era quell'unione che regalando, sedie e poltrone, aveva e forse ha ancora, l'omino della Michelen.
    Noi guardiamo una medaglia fatta da un lato di incertezze, di disillusioni, e anche di rassegnazione, almeno per me, che la vita è andata e che ho raggiunto la vacuità delle cose,
    ma l'altra medaglia è fatta di ristoranti stracolmi, e più si paga meno è possibile prenotare, di moli stipati di barche milionarie, di negozi in cui bisogna prendere il numerino per essere serviti e comprare una borsa di plastica a tremila euro...
    Fai bene a portare l'esempio della salute, ed il parallellismo calza, infatti per questo chi ha i tempi morti chiama i suoi clienti ..."pazienti" perchè dobbiamo essere pazienti, altrimenti le ingiustizie e la visione del mondo ci farebbero ricoverare in altro reparto....
    Un sorriso

    RispondiElimina
  3. Ciao Vitamina, oggi leggerti mi fa ulteriormente
    precipitare nella mia depressione autunnale.
    Sorrido solo alla risposta di Olivia.

    RispondiElimina
  4. Un bell'argomento di riflessione ! I questi giorni la paura del futuro predomina e la malattia dell'Italia mai mi è parsa tanto incurabile. Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. sorrido anch'io, che se mi rileggo ci sono errosi di battitura, consecutio temporum, virgole che messe al posto sbagliato modificano il significato... ma piace pensare per lorenza che sia un lapsus froidiano, dove la g potrebbe fare pensare al altro e la garfagnana..è in simbiosi..con la natura.
    E poi ci sono i latini, Nomina sun omina...
    Un sorriso

    RispondiElimina
  6. è vero, anche a me quella G ha fatto pensare al grifo e alla Garfagnana, insomma a una versione agreste della nominata, con Ghiande da sGrufolare.
    Un bel contrappasso: l'inconscio di Vitamina non perdona!

    RispondiElimina
  7. Fa male al cuore pensare ai ragazzi e al loro futuro. Nulla è stato costruito per loro, non basterà una vita per loro per recuperare quello che avevano i loro padri.
    I colpi di coda, hai ragione, sono quelli più spaventosi, più violenti.

    RispondiElimina
  8. Si il welfare,lo stato sociale non è da comparare con altre realtà europee,da noi arrivano solamente lacrime e sangue.

    La risposta su Monti-Dini e compagnia "bella"

    Siamo messi così,in buona parte questi hanno contribuito al colossale debito pubblico,pensare che ci tireranno fuori da tutto ciò,pare proprio impensabile,tanto scusa la volgarità "in quel posto ce l'hanno sempre i soliti noti".

    Buona domenica,si spera di pallido sole

    RispondiElimina
  9. Grazie alla mia coccolona per avermi corretto , tanto io spero con tutto il cuore che con la C o con la G la Carfagna non la dovremo più vedere . Grazie a tutti . Dita incrociate , scongiuri e altro ...

    RispondiElimina