domenica 13 maggio 2012

Foto di maggio.

Uno degli ultimi fiori di iris Japonica, sono molto belli, ma piccoli!

Fra le erbe selvatiche uno dei tanti papaveri spontanei.

Anchusa azurea , io la coltivo, ma una volta era frequente nei campi coltivati, prima dei diserbanti.


Papaverone gigante.

La Pipa e la vasca.

Le aquilegie non hanno bisogno di didascalia.


6 commenti:

  1. Ciao Lorenza, anch'io stamattina, complice il cielo nuvoloso, sono andata a fotografare i miei
    fiori ( lo faccio tutti i giorni, da psichiatra)
    ma questo mese è troppo di tutto e tutto passa troppo velocemente.
    Riciao

    RispondiElimina
  2. Trovo molto rilassante fotografare e miei fiori e ... riguardarli poi in foto quando ormai sono sfioriti.
    Furbetta ma prudente la Pipa a caccia di pesci rossi!

    RispondiElimina
  3. Tutti belli, in particolare il fiore di iris. Ci vuole occhio, ma anche sentimento, per fare fotografie così deliziose.

    RispondiElimina
  4. Caro Adriano qui c'è di sicuro più sentimento che altro. Ne ho fatte tante in pochi minuti, cercando di fare al meglio con questa macchinina fotografica che sembrava defunta e invece è risuscitata, ma è tanto il desiderio di rivedere e fissare tutta questa bellezza che fra poco non ci sarà più, per l'avanzare della stagione.

    RispondiElimina
  5. Ciao Lorenza ti penso con affetto, non ti ho dimenticata, è stato bello conoscerti di persona,abbiamo anche una foto insieme...Il tuo libro? Lo sorseggio piano piano.... Dopo la settimana di ospitaliera a Roma mi preparo per Radicofani, prima settimana di agosto, e poi mi piacerebbe a settembre percorrere il cammino francescano della Marca, sei interessata? Se si scrivimi ti manderò il programma. Intanto faccio la nonna.... Un abbraccione da Maria Luisa, Marisa, Ommari, insomma chiamami come vuoi tu, hai capito chi sono, so dela Pieve...... Ciaoooo bellissima!

    RispondiElimina