giovedì 10 maggio 2012

Iris e libellule.




Ieri era il mio giorno libero dal lavoro , che questa volta è coinciso con il giorno di riposo di Mauro , così tutti e due abbiamo lavorato fuori , in questa bellissima giornata con cielo azzurro intenso, vento fresco, sole caldo , eppure non si sudava neanche tanto . Abbiamo sistemato soprattutto la zona davanti al cancello, la prima che si trova entrando, quella che è sempre talmente in disordine da far pensare che non ci piaccia ricevere visite. Ora è a posto, passato il decespugliatore nelle parti più ripide, il tagliaerba nelle zone in piano , la vanga nei bordi  e fra le piante per rifilare e togliere la  gramigna. Ora sta molto meglio anche se c'è ancora da eliminare il secco dalla siepe ... un'altra volta . Mentre scendevo la scaletta di pietra che feci qualche anno fa ho notato nell'acqua della vasca un movimento inconsueto ... un serpolino che si muoveva a suo agio nell'acqua. Mi è sembrato così bello e " appropriato"! Ma subito ho pensato a tutte le volte che l'avevo previsto con una certa preoccupazione : un serpe, per quanto piccolo, mangia perlomeno i girini e i pesciolini che nasceranno fra breve, quando le femmine dei pesci rossi  dalla pancia grossa deporranno le uova, poi crescerà e mangerà anche i pesci più grandi . Il pensiero del serpe ha continuato a seguirmi mentre lavoravo . Ad un certo punto nel mio campo visivo un altro movimento improvviso, questa volta dall'aria fino all'erba appena tagliata:  faccio in tempo a vedere l'upupa che subito vola via. Sulla vasca sono comparse anche le libellule turchesi, leggerissime e preziose come gioielli volanti, che non si sa come riescano a muoversi nell'aria. Queste non solo volano, ma si accoppiano volando e ci sono parecchie coppie, adesso e questo mi fa un gran piacere.  Anche la panciazzurra (libellula depressa) è arrivata , questa qui è grossa come un elicottero in confronto alle altre. Il capriolo fa risuonare il suo richiamo sgraziato dall'altra parte della valle : è proprio maggio, e la Loretta del Roseto in Via Cerreto ha visto già le prime lucciole .

















10 commenti:

  1. Lorenza carissima, il tuo giardino è meraviglioso!! E il tuo post è vera poesia... e anche le foto sono stupende.
    Immagino tu stia meglio, o perlomeno lo spero. Ti mando un sorriso luminoso e un forte abbraccio!

    Cinzia

    RispondiElimina
  2. Cara Vitamina,

    è proprio maggio! Oggi sono andata, per una commissione noiosa, alla periferia sud di Milano. Lungo il binario del tram c'erano le sole casermone grigiastre alternate a mercatini rionali, bancarelle di extracomunitari, ipermercati. E tanta erbaccia lungo il guardrail. Po a un tratto mi è sembrato di avere una visione: in un pezzo di guardrail più largo, una striscia larga tre metri e lunga circa duecento, erano fioriti centinaia e centinaia di papaveri e fiordalisi. Sembrava un gioiello luminoso e sfarzoso incastonato fra la striscia grigia della strada e quella polverosa del binario del tram. Sai che ti ho pensato?
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. Anch'io sta lavorando in giardino, in questi giorni.
    Ma non è niente a paragone del tuo.
    Penso proprio che tu sia bravissima in ogni cosa...
    Ti abbraccio con molto affetto.
    Ciao!
    Lara

    RispondiElimina
  4. Anche qui è maggio, anche se mancano le lucciole e i fiori del tuo bel giardino. Leggerti, come sempre, mi fa sentire come fossi con te, a guardare upupa e libellule e a godere dei fiori stupendi che hai seminato e fatto crescere.
    Un abbraccio forte

    RispondiElimina
  5. Come sei fortunata...un'upupa nel mio giardino non l'ho mai vista, so che è bellisima: un'altra mia amica, nel suo giardino quasi bosco, è riuscita pure a fotografarla. Beh in compenso ho i cardellini che nidificano tutti gli anni sull'albero davanti la mia finestra ... e che chiacchiericcio!
    Stupendi i tuoi Iris e il magnifico stagno pieno di libellule, pescetti, girini e serpentelli... ma come fai ad andare a lavorare "fuori" quando dentro hai questa tanta meraviglia!
    Un bacione.

    RispondiElimina
  6. Il giardino pullula letteralmente di vita, beata te che hai potuto approfittare di una bella giornata per godertelo! Invece a me sta capitando che i fine settimana il tempo sia alquanto triste e piovoso, e l'unica vita che sento vibrare nel mio giardino sono gli insetti che pungono da matti e non ti lasciano lavorare. Parlo dei pappataci, o almeno credo siano loro... i bombi e le api invece sono sempre i benvenuti!

    RispondiElimina
  7. Ciao Vitamina, che bella persona sei! Anche tu sei un giardino di maggio con tante rose profumate...

    RispondiElimina
  8. Cosa c'è di più bello alzarsi e vedere un bel giardino così? Brava Lorenza!!!

    RispondiElimina
  9. Bello immaginarvi, te e Mauro, insieme, che amorevolmente curate il vostro giardino nel vostro giorno libero.
    Una bellissima immagine con cui rallegrare la mia domenica, grazie!
    Saluti affettuosi

    RispondiElimina
  10. Ah che bello questo tuo verde che hai chiazzato di colori, e un po' anche la natura ha chiazzato. Noto anche un centranthus ruber. Però il tempo è ancora un'altalena. Qui a Milano ieri caldissimo e oggi pioggia e vento fresco fresco.

    RispondiElimina