venerdì 1 giugno 2012

L'erba cipollina e la farfalla
















Mo marito dice che posso usare le sue foto se dichiaro la fonte : le fa lui queste foto bellissime, ha un'animo d'artista . Suggerisco di usarle come sfondo per il desktop , è molto bello accendere il pc e trovarsi in questa situazione, con una farfalla posata su un fiorellino di erba cipollina. Metto qui una serie di immagini, perché una sola è insignificante, mentre tante sono come un documentario e comunque un'immersione nella porzione di mondo dorato della farfalla .
 Non so voi , io sono talmente affaticata che il cervello rifiuta di pensare . Tutti i miei bei pensieri che collegano l'intimo e l'esterno, le riflessioni che qualche volta non sembrano neanche mie , ma attinte da qualcosa di più grande e quasi universale mi hanno per il momento abbandonato. Ciò che accade resta al di là del mio giudizio e delle mia capacità di elaborazione, come si fa a commentare il terremoto ? E' successo anche qui di sentirlo , una volta anche poco tempo fa , in un appartamento al sesto piano che oscillava tutto lentamente, facendo venire il mal di mare, e una volta parecchi anni fa , ci fu una scossa sola , debole ma molto vicina , sotto il monte di Lignano, che significa alle porte della casa in cui vivevamo allora. Il rumore, nel pieno della notte, fu talmente forte che pensai  che fosse caduto l'armadio in camera delle bambine, chissà perché.
Mauro si alzò un attimo prima, lui è sensitivo come la nostra figliola più piccola , e si sveglia sempre in anticipo.
Le torri in mattoni che si sgretolano, le chiese che crollano sono il segno dell'eccezionalità dell'evento, erano lì da secoli, fatte di un materiale sensibile alle scosse. Ora cadono e ricostruirle credo che sia impossibile. Sarebbe bello sostituirle con opere di architettura nuove e di qualità, chissà se ci saranno architetti e ingegneri disposti a lavorare a basso costo per ridare ai paesi edifici e monumenti nuovi ma bellissimi?
Con il blog ho conosciuto delle persone, non tantissime , ma piuttosto bene , attraverso quello che scrivono. Il terremoto si personalizza , non resta una cosa lontana, capitata a degli sconosciuti. Sono vicino a Soffio e alla Civetta Canterina , a Giorgio , alla Loretta che è in zona, ma più lontano ....

9 commenti:

  1. Ti rubo un'immagine leggera come una farfalla per sfuggire non al dolore e alla solidarietà con tante persone a cui voglio bene e tanti territori, che conosco per averci lavorato, che hanno sofferto delle ferite del terremoto, ma alla retorica del dolore, lo sciacallaggio( soprattutto televisivo, ma non solo televisivo) di chi urla e non fa nulla.
    Preferisco che ognuno di noi aiuti in silenzio e continui a fare al meglio quello che sa fare. Grazie per le tue farfalle e le tue parole. A presto

    RispondiElimina
  2. Hello, Vitamina!
    Wonderful captures! Your whole garden is absolutely beautiful!!!
    Very interesting blog.

    RispondiElimina
  3. Ciao Vitamina è vero il terremoto non si può raccontare,
    èuna esperienza forte, ancestrale che non controlli.
    Io ricordo ancora quello del 2009, mi sono rimasti nella mente
    e nelle orecchie i rumori dei vetri delle finestre,
    mentre tutto tremava.
    Non successe niente per fortuna, solo tanta paura.
    Un abbraccio forte a te e tutte le persone che stanno vivendo
    questa situazione con l'augurio che passi presto,
    Lina

    RispondiElimina
  4. Le foto sono stupende: complimenti Mauro per le immagini che non sono amatoriali ma esperte sotto ogni aspetto. Le salverò tutte... così come tante altre che ristorano il pensiero.
    Cara Vitamina, anche le tue foto sono sempre state di ottima qualità e tu sai dipingere anche con le parole.
    Sono due settimane che a Bologna si balla ad ogni ora del giorno e della notte. Le scosse si susseguono e l'equilibrio pare ormai precario per sempre... ma non oso lamentarmi perchè di danni, qui, ce ne sono stati pochi.. qualche condominio sgomberato, qualche torre spostata, calcinacci, tante transenne attorno agli edifici antichi che sgretolano sotto le spinte poderose ma stiamo tutti bene e questo lo vivo come privilegio.
    Che non subisca la stessa sorte delle terre emiliane la nostra bella Repubblica che avrebbe meritato un festeggiamento particolare, in altro momento.
    Ti abbraccio, Vitamina, a presto.
    Sari

    RispondiElimina
  5. Mi sono presa la libertà di usare le foto per la testata del mio blog. Non ho resistito, erano così belle... Se ho fatto male, basta dirlo e la cambio subito.
    Buona domenica pomeriggio.

    RispondiElimina
  6. Cara Sari, credo che Mauro ne sarà lusingato , quando riusciremo a vederci e parlare 5 minuti , per ora dormiamo nello stesso letto in orari un pò sfalsati . Basta che tu dica a chi te lo chiede che le ha fatte un certo Mauro Giovacchini di Arezzo...

    RispondiElimina
  7. Ti ho appena conosciuto perchè una mia amica ha postato il tuo blog su fb.Complimenti perchè accanto alle foto meravigliose ci sono dei contenuti su cui riflettere. Ti seguirò da ora in poi :-) Piacere di conoscerti, Tiziana

    RispondiElimina
  8. Piacere mio, vedo che hai un B&B .. potrei chiederti qualche informazione in seguito.

    RispondiElimina
  9. GRAZIE, sarà fatto, Vitamina. Che vita densa e di corsa, la vostra... spero che arrivino presto le ferie e possiate così rilassarvi.
    Un abbraccio.
    Sari

    RispondiElimina