giovedì 17 gennaio 2013

Ridere!



Il giorno di Natale mi hanno raccontato una barzellettina. Ci ho riso abbastanza, ma ci ho riso molto di più dopo, quando l'ho raccontata io. La racconto anche a voi . Quando ero giovane raccontavo molto le barzellette, ma non  mi soffermavo sugli aspetti narrativi, le premesse della comicità, che sono sempre poco credibili. Anche in questo caso sono poco realistici, ma è una barzelletta!
C'è un gufo che vola in una notte tempestosa e viene sbatacchiato di qua e di là, finché il vento non lo spinge verso la finestrina aperta di una chiesetta. Siccome la finestrina è spalancata, anche nella chiesa c'è vento e il gufo continua ad essere sbatacchiato in giro, ma poi trova una porticina aperta, quella del tabernacolo, ci finisce dentro e si sente al sicuro. Il vento con un'ultima folata ce lo chiude dentro. E siamo arrivati alla fine incredibile della premessa : abbiamo un gufo chiuso dentro ad un tabernacolo e ci si crede. La mattina dopo arriva il prete per la Messa, davanti ad una piccola folla di vecchine e vecchini, e questo, vista la situazione attuale, è credibilissimo. Apre il tabernacolo per prendere il calice con le ostie consacrate e vede gli occhi gialli del gufo che lo fissano . Chiude immediatamente e dice: "Fratelli, oggi niente Comunione... ha cert'occhi da matto!"

8 commenti:

  1. Carissima Vitamina, questo (e tanto altro) è quello che mi piace di te. Anche nei momenti più difficili, mantieni il sorriso sulle labbra, porti gioia nei nostri blog, e non perdi la voglia di vivere. E in qualche modo mi ricordi quel gufetto simpatico... li, suo malgardo, a fare scherzi ai preti....;)))
    Ti abbraccio tanto!

    RispondiElimina
  2. A sentirla dal vivo è anche meglio: quando Vitamina racconta le barzellette è da schiantare, perché lei comincia a ridere prima di finirla, e ti tiene in sospeso; a vederla ridere così ti viene da ridere anche a te, e ancora non sai perché, ma certo le premesse sono già abbastanza assurde da farti ridere, con questo povero gufetto disneyano sbatacchiato come Biancaneve in una notte buia e tempestosa. E poi, alla fine, vedi le due facce del prete e del gufo che si fissano a vicenda... Vitamina, sei Magnum!

    RispondiElimina
  3. Beh, è davvero divertente, lo confermo. Ho riso da matti immaginandomi la sopresa del prete :-)

    RispondiElimina
  4. Quanto fa ridere il ridere... ahahah.. grazie Vitamina Extra Magnum!!!

    RispondiElimina
  5. Carina, ma attenta a mettere in mezzo i santi che Sari...

    RispondiElimina
  6. Massimo, Vitamina sa che Sari non è integralista e che si può ridere di chiunque e in qualunque situazione.
    ;)

    RispondiElimina
  7. ...e poi perchè mai Gesù non potrebbe ridere da matti?

    RispondiElimina