sabato 3 maggio 2014

Periodo denso di lavoro: la spalle e le braccia di Vitamina sono intormentite e dolenti. Vorrei che questa primavera lunga e gradevole durasse almeno altri tre mesi e che l'estate non fosse feroce. Il maggiociondolo (laburnum anagyroides) è in fiore da tempo, così anche la Kolkwitzia e le peonie si aprono piano piano... C'è un lato B non piacevole, tutta questa piacevolezza è gradita anche a molti insetti, coleotteri che mangiano le rose, anzi rodono proprio i bocci, lumache eccetera. Ci godiamo, sempre lavorando, queste giornate verdi, con tanti verdi in sfumature diverse, e tante forme delle foglie. Molte sono traforate dalle lumache, ma quest'anno, per la prima volta in vita mia, ho comprato il lumachicida per tentare di salvare qualcosa. Oggi che piove dovrò lavorare in casa, la casa è a tutti gli effetti quasi abbandonata, sono sempre fuori. Vorrei comprare una panchina, ne ho vista una molto carina, ma non so se lo farò. La panchina la comprerei  per guardarla,  non per sedermici, quando sto fuori lavoro sempre e non sto certamente seduta!
E' venuta a trovarmi la Paola e abbiamo fatto un giro in giardino che in questi giorni è la mia vera casa. E' difficile rendere un giardino con delle foto, si deve cogliere l'insieme e le foto sono sempre riduttive, si vede una grande insalata di foglie diverse, ma se si è qui si va a vederle una ad una, e si coglie il volo delle prime libellule turchesi, la folla delle rane (vera folla!), l'arrivo dei pesci nella zona libera del laghetto, una gatta che dorme nascosta in un ciuffo d'erba ed è quasi invisibile, le rondini che sono tornate numerose e garriscono allegre, il canto di tanti uccelli diversi...

Ci sono in giardino tre fenomeni : i due cespuglioni di ceanothus  azzurri, due palle enormi coperte di palle più piccole composte di fiori piccini,  la cascata d'oro giallo del maggiociondolo e la rosa banksiae, sì, anche quella è tutta fiorita. Ci sono tanti profumi, quello fresco della banksiae, qualche zaffata dagli iris, e l'odore di miele dei ceanothus. Sembra di avere un enorme barattolo di miele aperto e le api sono arrivate, un alveare intero, credo, a raccogliere il polline. Povere bestioline, ce la mettono tutta per sopravvivere e io le aiuto con i miei fiori. Alcuni anni fa la mia amica Stella mi regalò una piantina di aspidistra, quella pianta dalle lunghe foglione scure degli ingressi delle case negli anni cinquanta e sessanta del secolo scorso. Ora ne ho diversi vasoni pieni e un pomeriggio ne ho diviso una pianta che era diventata troppo grande e aveva perfino rotto il vaso di plastica. E' stata un'operazione cruenta, si fa per dire, a colpi di roncola per separare in due parti l'intrico duro delle radici, ma mi ha permesso di vedere per la prima volta nella vita i fiori dell'aspidistra. Piccoli, di un materiale fragile e quasi vetroso, sembrano animali rossastri nascosti in basso alla base delle foglie! 
Si impara sempre qualcosa di nuovo, non c'è che dire, anche stando a casa propria. 
In giardino coltivo delle palle, (mi piace molto la forma a palla) di artemisia abrotanum, un'erba dalle foglie fini, filiformi, con un odore forte; nel giardino della Landriana, la guida disse che la chiamavano la pianta della Cocacola, perché ha odore di Cocacola. A me non sembra, però è una pianta bella e molto odorosa che si lascia potare e resiste bene al secco. Una di queste mattine ci ho visto sopra una macchia... guardando meglio si trattava di una gran quantità di ragnini nati da poco, posati su una ragnatela finissima e quasi invisibile, un piccolo nido al sole. Ne ho trovati altri , sempre sull'abrotano, e ho chiesto a Mauro di fotografarli per farveli vedere. Peccato che non si veda quando ci si soffia sopra: tutti i ragnini si muovono e si spostano verso i margini della ragnatela. I ragnini sono piccolissimi e perfetti, come tutti i neonati sani, hanno perfino un disegno elaborato sull'addome, che la mia vista non più ottima non mi permette di osservare come vorrei. Fioriscono di nuovo gli/le iris e stavolta pianto tutti i pezzi di rizoma che trovo, per non rischiare di perdere una delle tante varietà che ho raccolto e ricevuto dalle amiche.







7 commenti:

  1. Quelle palle giganti blu-viola sono davvero incredibili. Sembrano fatte artificialmente, per come sono perfette. Ma il bello è che sono vere verissime, vive vivissime, da vicino ronzano come le siepi di Virgilio… (quello delle Bucoliche).

    RispondiElimina
  2. I cespugli di fiori azzurri sono meravigliosi. Mi piacciono molto i tuoi post sulle piante ei fiori e mi piacciono le foto del tuo bellissimo giardino. Si vede che lo ami moltissimo!
    Un abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
  3. Nella prima foto (spettacolare) gli steli a destra paiono fuochi artificiali e la farfalla pare inchinarsi dopo avere eseguito il suo perfetto volo. I tuoi post sono un tuffo nel verde e nei profumi, una parentesi di quiete dopo la fatica. A te il lavoro, a noi goderne i frutti... non è giusto ma è così.
    L'aspidistra mi ha ricordato il romanzo di Orwell "Fiorirà l'aspidistra" che narra di un sè che combatte strenuamente contro la borghesia e le sue ipocrisie per poi arrendersi e abbandonarvisi felicemente. Ricordo che non mi parve un finale "suo"...
    So che non è un blog di richieste ma... :))) ... nel tuo giardino c'è una plumbago? Quelle palle azzurre mi hanno ricordato la grande pianta che mia madre aveva nel suo giardino.
    Buonanotte Vitamina giustamente stanca... come vorrei sollevarti da qualche fatica...

    RispondiElimina
  4. Bellissimo, Lorenza! Un giardino in cui perdersi per ore. Grazie a te e a tuo marito di condividere con noi il vostro luogo di sogno!

    RispondiElimina
  5. Meraviglie su meraviglie, bisognerebbe essere lì! Ciao

    RispondiElimina
  6. Bellissimo giardino, nascondersi e non tornare più a casa ... Un abbraccio!

    RispondiElimina
  7. È superfluo dire che tutto è molto bello, la natura e le foto, ma lo dico lo stesso. L'aspidistra mi ricorda il romanzo do Orwell "Fiorirà l'aspidistra".

    RispondiElimina