martedì 2 dicembre 2014

Pettirosso








Un pomeriggio ho sentito un rumore come un martello che batte ripetutamente su qualcosa, e ho pensato"Ma che fa il nostro vicino di casa?" Quando mi sono avvicinata alla finestra per aprirla e sentire meglio ho capito che non era un martello, ma un pettirosso che batteva col becco sul vetro per entrare. E' stato lì un paio di giorni, posato sul bambù, come si vede, o sulla grondaia... ora non lo vediamo più. Spero solo che non l'abbiano preso i gatti. Orazio, uno dei micioni neri, si era piazzato sul tetto della capannina di legno per fargli la posta...
Questo dicembre veramente anomalo è iniziato, come dicevo a Loretta, con il callistemon fiorito e il gelsomino che pensa che sia primavera e fiorisce di giallo anche lui, il cielo grigio e piovoso come a novembre e le temperature da settembre. L'altra notte uscita dal lavoro il termometro della macchina segnava 17°. Ero con le mezze maniche e non sentivo freddo. 
Dov'è quel freddo frizzantino tipico del mese? In compenso tutti i miei vasi sono ancora all'aperto e anche le piante più freddolose sono in buona salute, pioggia permettendo. Avrei certe storie da raccontare...ma per ora non posso. 

6 commenti:

  1. Il pettirosso è parecchio socievole e forse tante volte è questa, purtroppo, la sua sfortuna nella legge di natura. Belle le foto.

    RispondiElimina
  2. sono sicura che il pettirosso è andato a farsi un giretto...magari ha trovato una bellissima...pettirossa!
    Anche i miei vasi sono ancora tutti fuori; nonostante le alluvioni, i nubifragi, i danni di questi due assurdi mesi genovesi, le temperature sono alte... e le mie piante grasse, anche quelle che, ostinatamente, non hanno mai fiorito, sono coperte di fiori. Lo prendo come un buon presagio. Emanuela
    ps- ti leggo sempre. Non ho blog, ma ti leggo e mi piace tutto ciò che scrivi. Mi sembrava giusto presentarmi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Emanuela, piacere di conoscerti

      Elimina
  3. Che bello il pettirosso! Spero che il gatto lo abbia risparmiato!

    RispondiElimina
  4. Una narratrice e un abile fotografo sono una continua sorpresa.
    Questo è tempo di calendari... molti sono brutti o scontati... come vorrei nella mia casa un calendario firmato Iris & Libellule.
    Due anni fa ne facesti uno per noi, ricordi? Ora manca il tempo ma... perchè non pensare a commercializzare tanta abilità?
    Chiedo perdono per la sfacciataggine...

    RispondiElimina
  5. Che belle foto che sei riuscita a fargli.
    Mi hai fatto ricordare quando abitavo in città. Nel nostro giardinetto un giorno è arrivato un pettirosso che i bambini hanno subito chiamato Pancetta. L'uccellino veniva a farci visita tutti i giorni. Stava un po' tra i rami del tiglio o fra i cespugli e poi, con un frullo, andava via.
    Era bellissimo!
    Un abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina