sabato 2 gennaio 2016

il primo dell'anno

Il primo dell'anno abbiamo creato una piccola tradizione, invece di stare insieme la sera prima, stiamo insieme a pranzo dell'1 gennaio con delle amiche con cui siamo state compagne di scuola, al liceo. Per me è di buon augurio stare insieme il primo giorno dell'anno, a casa della R. , a cui voglio tanto bene, a lei, e a suo marito, che è anche lui uno dei miei più cari amici. E' venuta anche la L. , che è un'altra di noi, non cè bisogno di dire quanto le vogliamo bene, e la C. ha mandato una foto di quando eravamo giovani, ed era come se fosse lì, e poi ha telefonato la P., ma, ancora più bello e importante, c'erano parecchi dei nostri figlioli. Quasi tutti, mancava il penultimo della R., che ne ha quattro.
Loro non lo sanno, ma anche se loro, i ragazzi, chiacchieravano per conto loro e apertamente e abbastanza male, di noi genitori, per noi che chiacchieravamo per conto nostro era una gioia averli lì e vederli parlare come se si conoscessero da sempre, che non è del tutto vero. Non sono vecchi amici, come noi, ma sono i nostri figli,e questo rende possibile una comunicazione agevole e franca.  Abbiamo mangiato, io mi sono impegnata, ma quanto son venute bene le cose che ho preparato non so, è un periodo che sono fortemente autocritica. Comunque non eravamo lì per mangiare, eravamo lì per fare il pieno di altro, di energie affettive. Si può dire "energie affettive"? Forse sì. Ha funzionato. Grazie ai ragazzi che sono stati a pranzo e hanno iniziato l'anno con noi. Grazie alle mie amiche e ai nostri mariti.  Anche se saremo distanti allungando la mano potremo trovarci e rassicurarci del nostro affetto. Qui saluto tutti quelli che passano a leggere e quelli che non passano, Sari, Loretta, e Grazia e Cinzia, e  Gianni e Alberto e Ommarì....E di nuovo buon viaggio a tutti: inoltriamoci nel 2016.

5 commenti:

  1. Buon anno anche a te, alla tua famiglia, ai tuoi amici.
    Il viaggio verso questo il nuovo anno non è una libera scelta.
    È un percorso obbligato poiché nessuno di noi sceglie di venire al mondo.
    Resta un po' d'amore e la voglia di stare insieme.
    In questo gran mistero che è la vita.
    Godiamoci la pace e la serenità quando si ha la fortuna di averle.
    Buon 2016. Buona vita.
    Ti abbraccio. Ciao

    RispondiElimina
  2. Buon anno a te, alla tua famiglia e a tutto il tuo bel gruppo di amici!

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Ti leggo da tempo, non ho mai commentato, forse una volta....ma ora voglio ringraziarti,leggerti è sempre una carezza, uno spunto di riflessione,un ricordo, un sorriso.
    Da me un sorriso e un abbraccio
    Emanuela

    RispondiElimina
  5. Oh quanto nutrono le "energie affettive" e danno una carica che dura parecchio. Peccato che non ci si possa vedere più spesso, che il lavoro e gli impegni assorbano gran parte del tempo libero e non basti la volontà per fare "il pieno" quando occorre.
    Cibo... sono certa che sarai stata bravissima e le amiche te l'avranno anche detto.
    Ho sorriso leggendo dei figli che criticano... quello è il loro mestiere e credo sia terapeutico... anche a me è capitato ed ora, coi ragazzi, ne possiamo ridere.
    Buon anno Lorenza, e grazie per quel che scrivi.

    RispondiElimina