lunedì 19 dicembre 2016

il sentimento religioso

 Pare che il 90% della popolazione mondiale abbia una fede di riferimento, un qualche credo.  E' tipico dell'uomo un sentimento religioso, leggevo che ci sono parti del cervello deputate  a questo, ci sono state persone con tumori al cervello che hanno avuto periodi di intensa religiosità, che poi, una volta operati, si è come dissolta. Il tumore, la massa che si era creata dentro la testa, serviva da stimolo alla formazione di idee mistiche. Quindi il sentimento religioso ha sede in una parte precisa del cervello? E se facessimo una lobotomia in queste aree questo sentimento sparirebbe?
Mentre scrivo, il tg Leonardo spiega come una classe di funghi, gli xilocybe, quelli di Carlos Castaneda  ( a scuola dallo stregone), possono esaltare il sentimento mistico e aiutare gli ammalati ad affrontare l'esperienza dolorosa che li attende, infondendo fiducia e coraggio....
Dentro il sentimento religioso finiscono molte cose, la superstizione per esempio. La superstizione è una della facce, è  la faccia nera del sentimento religioso.
Tanti anni fa mi capitò una cosa: avevo un'amica che si era ammalata di cancro e si era spaventata moltissimo, ovviamente.
Mentre ci trovavamo insieme in un negozio arrivò una donna che conoscevamo bene tutte e due, che diceva di avere una gran fede e andava in chiesa tutti i giorni. Vide la mia amica, di cui sapeva che era ammalata, e le si illuminarono gli occhi: "Non è un caso, non è un caso, che ci siamo incontrate! Ho qui una cosa per lei, una cosa speciale, per caso ce l'ho in borsa, guardi..." Tirò fuori un pezzetto di un indumento che diceva essere appartenuto a Padre Pio, lavato stirato e messo sotto cellophan. Una specie di reliquia, a tutti gli effetti. "Lo tocchi, lo tocchi, lo prenda in mano!..." 
Non so dire ancora bene perché, ma mi venne un brivido dalla base della colonna vertebrale, cosa che mi è successa forse in tutto dieci volte nella vita, e dissi, piena di disgusto "Ma che fa? Questo è feticismo!"
La donna, allarmatissima, si ritirò e gridò "Non è vero, io non adoro nessuno, solo Gesù, solo Gesù!" e da quel giorno non mi ha più potuto vedere. La scena era stata quasi comica e da tutte e due le parti c'era stata una reazione emotiva e fisica molto forte: da parte mia ribrezzo e da parte della signora terrore. Tutte e due riguardavano il sentimento religioso. 
Il mio c'è anche se io non sono andata a cercarlo, e non ho ricevuto un'educazione religiosa.

 La mamma ci aveva insegnato un'unica preghiera, di sua invenzione, rivolta alla Madonna, che era praticamente una richiesta perentoria, quasi un ordine, di far stare bene la famiglia e farci crescere buoni e sani, noi bambini. Poi però, per motivi pratici, perché non ci trovassimo discriminati a scuola e con i nostri coetanei, ci aveva fatto frequentare la dottrina per fare la comunione e la cresima. 

Quindi io ho imparato l'Avemaria e il Padrenostro da grande, e le altre preghiere non le so.  Da piccola avevo una certa confusione in testa. Sono una cattolica marginale, come tanti, cattolica perché sono nata in Italia, ma in una famiglia di non credenti, che non avevano tutto il coraggio che ci voleva per sostenere la propria posizione, o forse non avevano voglia di discutere di questo tipo di cose. Sono stata battezzata in clinica, alla nascita, senza tante cerimonie, ma ho un forte sentimento religioso, che viene urtato e messo sottosopra quando succede una cosa come quella descritta prima, che vedo una donna offrire un oggetto appartenuto a un santo come strumento di guarigione. 

Un conto sarebbe essere toccati da un santo, quante volte nei Vangeli persone ammalate chiedono a Gesù di toccarle, certe che la sua mano le guarirà, e lui dice "La tua fede ti ha salvato."
Un altro conto è portarsi in giro un feticcio, come può un feticcio salvare qualcuno o svegliare la sua fede? Mi si accappona la pelle e provo ribrezzo.

Il sentimento religioso è quello che ti fa rimanere in risonanza estatica di fronte ai fenomeni naturali, per esempio davanti allo spettacolo del cielo, non ce n'è uno più grandioso, sulla terra. Il sentimento religioso è sentimento del sacro, che è complesso da descrivere, si avverte la sacralità dell'amore fra due persone, la sacralità del proprio corpo, della terra e delle creature che la abitano... provo queste cose con grande forza, e provo altrettanto sdegno con chi non rispetta se stesso, il mondo in cui vive, i rapporti fra le persone...

Il sentimento religioso si accende in questo periodo dell'anno, per la luce solare che diminuisce fino al solstizio, e poi aumenta di nuovo, per la sua qualità, nelle giornate luminose e pulite. E' Natale.  E' un sentimento pagano, forse, ma anche i pagani, e gli antichi e antichissimi uomini erano religiosi. Avevano fortissimo il senso del legame, della re-ligio, con l'ambiente naturale e ne percepivano la divinità e la sacralità.

Ma il sentimento religioso è anche una risposta alla paura, quella che cova nel fondo dell'anima di ognuno, di fronte alle grandi domande: chi siamo, dove andiamo, qual è, se c'è, un significato nella vita, un senso nel dolore che tutti dobbiamo prima o poi incontrare... si dice che ci siamo inventati molti dei, e poi un dio solo, per rispondere a questa paura. Siamo forse un'anomalia nel mondo animale con la nostra intelligenza, con la consapevolezza di noi stessi, della vita e della morte, e per questo, si dice, ci siamo dovuti creare una difesa, una promessa di vita dopo la morte, un dio, o molti dei.  Ora cito me stessa, non per autoreferenzialità, ma perché alcune cose le avevo già scritte in questo post sul bosone di Higgs.

 Le religioni possono fare, e fanno, molti danni, quando sono vissute in modo estremo, ma tutto ciò che è estremo fa danni. Tuttavia spesso sono un grande aiuto. Quando ero al liceo girava una frase che dicevano fosse di Ho Ci Min "pur con le gambe e i polsi strettamente legati sento il canto degli uccelli e il profumo dei fiori". Non è fede, questa? 
Penso a chi vive in brutti posti dove neanche il cielo si vede, è in prigione, o fa un brutto lavoro, o vive una vita di qualità scadente, o è malato, o è in uno scenario di guerra... rivolgersi all'interno e trovare una speranza, la luce che solo una fede ti da, perché la ragione intorno non vede che buio, è un grande aiuto. Una stampella, una zeppa nelle difficoltà. E in fondo, perché accanirsi a cercare di togliere anche questa stampella? Mi riferisco a certi post che appaiono su Facebook.. 

Quelli che credono sono in genere persone che non si drogano, non cercano altri surrogati e non hanno dipendenze. Hanno la fede, la fede li tiene in piedi e magari tenendo in piedi loro sta in piedi una famiglia intera, vogliamo togliere anche quella e magari dargli anche una martellata sulle ginocchia? Scherzo. Oppure si potrebbe  dire: signora, guardi che Gesù non è una figura storica, il Natale è un'antica festa pagana, e lei crede a un mucchio di stronzate da una vita, le tolgo tutto e in cambio, come stampella, che proprio le serve, le procuro una canna, cominci a drogarsi che le fa bene. Qui mi ci vorrebbe una faccetta che ride. In un certo senso invidio un pò chi riesce a guardare il mondo senza bisogno di una fede, e anche chi, all'opposto, ha una fede incrollabile. Io oscillo molto.

Tuttavia riconosco perfino ai drogati di qualunque roba si droghino la libertà di farlo, o almeno non mi intrometto, non avendo alcun potere di cambiare le cose in meglio; se potessi mi piacerebbe salvare le persone dal dolore, dalle dipendenze, figuriamoci se non lascio la libertà di fare il presepe e andare alla messa e pregare qualunque buon Dio uno voglia pregare, purché sia buono e non inciti alla violenza. D'accordo, certi libri della Bibbia in cui Dio stermina i nemici sono un pochino fuori da questi confini...qui mi ci vuole di nuovo quella faccetta che ride. 




airone

Tre o quattro giorni fa mentre aprivo il finestrone di cucina ho sentito una specie di CRAC che veniva dal noce, a una decina di metri di distanza. Con la coda dell'occhio ho visto alzarsi un grande uccello, era quello il crac. Per il peso e la spinta che si era dato per il volo, aveva fatto suonare il legno del noce irrigidito dal freddo. L'ho raccontato a Mauro, ormai qui siamo io e lui, i gatti e la Holly, ma a parte noi umani, si sa che gli altri animali si esprimono molto bene ma non parlano. Che sarà? Una poiana?, più facile una cornacchia, ma era troppo grande. Era un airone, ecco chi era.
Avevo già visto che i pesci rossi, i miei bei pesciolini, erano diminuiti di numero, e ora ho capito chi se li mangiava. Con questo freddo si muovono poco e il birbone se ne approfitta. Non ci si salva. Nei campi scorrazzano caprioli e cinghiali. I gentili caprioli strusciano forte le corna sui tronchi giovani di qualunque pianta, e mi hanno distrutto un paio di cachi e un melino, finché non ho messo intorno al legno una rete di metallo. Una mattina qua vicino è venuto un ragazzo a pulire i greppi di un podere col decespugliatore facendo un rumore del diavolo. Nonostante il chiasso, quando ha smesso per bere ha trovato  tre cinghiali che frugavano nella sua roba: uno dei tre aveva in testa la busta di plastica dove teneva bottiglia e panino. Dev'essere stato un vero spettacolo! Qua sotto in una battuta di caccia hanno abbattuto un cinghiale di 170 chili. Un cinghialante! Cinghiale -elefante. Ora arriva anche la vespa che uccide le api...Molti anni fa dissi che avremmo dovuto fare i parchi per gli uomini e il resto libero. Ci stiamo arrivando, le città sono parchi umani assediati dai selvatici e qui in campagna lasciamo perdere, bisogna inventarsi recinzioni robuste e invalicabili, un paio di mesi fa avevamo una volpe in giardino! Con tutto questo spero che qualcuno si mangi le bisce , almeno, se sono ospiti, aironi e compagni non si mangino solo i pesci!