giovedì 31 marzo 2011

Foto di epimedium ed altri fiori.

Quando esce da terra la Lysimachia Punctata i germogli sembrano fiori.
Muscari botryoides.
Queste foto sono di alcuni fiorellini primaverili , che spariranno velocemente , bisogna quindi goderseli ora. Il primo è l'elleboro "nuovo acquisto" , poi un piccolo narciso e una serie di foto di epimedium "sulphureum", non così belle come quelle di Delia. Pazienza , riproverò! Epimedium è una piantina robusta, ma dall'aspetto esile e delicatissimo, che mi mette soggezione , non fa parte della nostra flora autoctona , ma è una pianta spontanea di qualche luogo del nord, ne ha le caratteristiche , non così evidente e sfacciata come quelle selezionate per i giardini,  una piantina tipica del sottobosco , dai colori tenui, con gli steli e le foglie piuttosto duri e lucidi . Non taglio le foglie secche , forse dovrei , ma mi pare che i fiori si sviluppino meglio al riparo delle foglie scure dell'anno prima. I suoi fiori, in questa varietà, sono composto da varie file di petali alcuni ripiegati ed altri distesi . Un minuscolo capolavoro complicato , come la rosa "Complicata" dal latino cum-plicata, con petali piegati.
Epimedium sta all'ombra di un maggiociondolo , che d'estate è ombra asciutta, perchè l'alberino beve molta acqua, ma la piantina è riuscita lo stesso ad allargarsi. Mi piace quando vedo che le mie piante si trovano bene. Farò altre foto per vedere il passaggio alla vegetazione nuova, che si compie in breve tempo.Le foglie nuove delle piante sono commoventi.
La Lysimachia Punctata è spontanea anche lei , ne trovai una colonia nel bosco di una casa dove abbiamo abitato per un periodo .Questi sono i germogli, i fiori arriveranno fra un paio di mesi. Nella zona più bassa del bosco, prossima alla strada , c'era una zona sempre allagata, che restava paludosa anche in estate , la Lysimachia nasceva lì . Ne presi un pò , è una pianta che si propaga bene per rizoma , sottoterra , e forma colonie infestanti, ma comunque le spontanee non si dovrebbero raccogliere e mi sentivo di aver fatto una cosa per niente bella, fino alla mattina, poco tempo dopo, che trovai lo scarico di un camioncino, evidentemente un piccolo impresario edile, che aveva demolito un edificio e "per fare prima" aveva scaricato tutto lì. La Lysimachia era sparita, coperta da un cumulo di detriti e macerie, per fortuna che l'avevo propagata io. I muratori e gli impresari edili sono un flagello per i giardini e l'ambiente in generale , dopo 10 anni che siamo qui continuo a trovare pezzi di mattonelle , schiuma solida per sigillare ,vetri rotti, pezzi di plastica e masse di colla per piastrellare  in mezzo alla terra, per non parlare di alcune zone del giardino che erano discariche e ho dovuto bonificare del tutto . C'è voluto moltissimo tempo e lavoro.
Fra qualche giorno si potranno fare foto più ampie che permettono di osservare il giardino come un organismo unico . Nel frattempo la primavera si fa vedere sempre di più. Oggi, passando in auto per il paesino di Albergo , le rondini dal petto bianco , i balestrucci , si sono incrociate in volo davanti alla macchina . Sono tanto  contenta quando le vedo . Passano l'inverno in zone dell'Africa dove c'è la guerra oppure dove vengono usati pesticidi in grandi quantità , ogni anno il loro numero diminuisce . Ma quando le vedo so che la vita continua e loro resistono , come noi. Ce la faremo, mi chiedo ogni giorno , a sopravvivere a Berlusconi e a noi stessi?

13 commenti:

  1. Le foglioline verde tenero appena nate sono davvero commoventi, hai ragione: così piccole e apparentemente fragili, e insieme così determinate a crescere.
    Bellissima l'immagine delle rondini che mi fanno pensare a tutti gli animali, sempre meno al sicuro su questa terra abitata da noi, sempre più impossibilitati a difendersi dai cambiamenti climatici e soprattutto dalla follia e dall'irresponsabilità umane.
    Speriamo davvero di resistere come loro; io proprio ieri sera, dopo cena, ho avuto una botta di avvilimento e ho pensato "se continua così quasi quasi me ne torno all'estero echi s'è visto s'è visto".
    Saluti di buona mattinata

    RispondiElimina
  2. Anch'io ho la tentazione di restarci, all'estero.
    Comunque è primavera per tutti e tanto più commovente questo momento proprio perché effimero.Pensa che di fronte a casa mia nelle crepe dei marciapiedi è spuntato il blu dei Muscari (come quelli della tua foto) e accanto alla mia porta di casa ne sono nati improvvisamente tre . Quando sono uscita a fare la spesa e li ho visti questo regalo improvviso e inaspettato della stagione mi ha commosso davvero.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  3. Deliziosi i tuoi fiori Vitamina, adoro queste primizie di primavera.
    Il prossimo anno anzichè andare a Riccione verrò da te a vedere tutte le spontanee :)
    Ciao

    RispondiElimina
  4. Bellissimi i tuoi fiori cara Vitamina! L'Epidemium non lo conoscevo ma devo dire che è davvero bello. Il Muscari è dolcissimo, non ho mai avuto la fortuna però di vederlo dal vivo.
    Mi hai fatto venire una gran voglia di andare a fare una bella passeggiata tra i prati fioriti! :)

    un caro saluto

    RispondiElimina
  5. Ciao a tutte! Loretta puoi venire quando ti pare , anche fra un pochino così vedi tutto fiorito. I muscari , Iulia , si chiamano anche "cuculi" o "pentoline", pentoline si capisce , ne hanno la forma. Sono fiori dei prati e dei boschi , qui intorno ce ne sono tanti.

    RispondiElimina
  6. Come si capisce che ami tutti questi fiori e che il tuo amore viene da loro recepito!
    I muscari da me ci sono, anche se non ho mai conosciuto il loro nome.
    Per le rondini, a me sembra di non averle ancora viste, ma in compenso, dopo che tu me l'hai detto, anche da me sono tornate le tortore.
    Possiedi una magia!!! E te ne ringrazio moltissimo, cara Vitamina.
    Un abbraccio,
    Lara

    RispondiElimina
  7. ciao Lorenza, ma l'epidemium è una piante tapezzante? io dovrei ricoprire un pezzo di terreno piccolo di ca. 1 m2 dove ora ci sono 1 rosa, 1 clematide, due lavande e una bergenia. tutto intorno però c'è l'erba perché il terreno è leggermente in pendenza e se tolgo l'erba senza sostituirla con qualcosa che cresce in fretta, frana la terra.
    hai qualche consiglio da darmi?
    grazie mille. Cinzia

    RispondiElimina
  8. Cara Cinzia, per il clima l'Epimedium andrebbe bene senz'altro , è l'ideale, si tratta di fare alla piantina un piccolo spazio e togliere l'erba solo intorno, per impedire che frani, come dici tu . Però ci sono molte altre tappezzanti , per esempio i geranium , tante varietà anche a foglia piccola , oppure le ajuga, più adatte per l'ombra. Io ho la "Burgundy glow" di tre colori e un'altra che non so come si chiama , colore rosso brunito scuro , molto belline tutte e due . Devi usare cose non troppo invadenti, se il giardino è piccolo. Se eravamo vicine ti davo qualcosa io... Prova su Internet a vedere se queste varietà ti piacciono!

    RispondiElimina
  9. Credo che tu sia piuttosto modesta, me ne sono accorta quando hai postato le foto della tua clematis, da infarto, senza fronzoli. Quando una pianta, o un albero mi gratifica, io sento il bisogno di ringraziarli, è per questo che dedico loro diversi post. La natura va difesa e l'amore per essa diffuso il più possibile.
    Grazie per la citazione, ma grazie ancor di più per le immagini del tuo epimedium. Mi piacerebbe che fossimo più vicine...

    RispondiElimina
  10. Non so Delia , se leggerai ancora questo commento, ma il successo è dovuto al tempo. La clematide ha 7 anni , basta dar loro il tempo di crescere. Sono d'accordo , i nostri giardini sono spazi in cui custodiamo la natura , ne parlerò in un prossimo post.

    RispondiElimina
  11. Il mio privato 'blogroll', che sta di fatto nella lista dei 'preferiti' (come li chiama Explorer) o dei 'segnalibri' (Firefox), si è ultimamente arricchito di un numero impressionante di blog a tema parzialmente o prevalentemente botanico.
    Si ha quasi l'impressione, vagando in qua e in là nel mare-giardino internettiano, che questi ultimi facciano a gara con altre nutritissime famiglie, come quelle di letteratura o di cucina.
    Credo che sia un bellissimo segno: l'attenzione e l'amore alle piccole meraviglie della natura è sicuramente ben riposto, e credo conceda più di un conforto alle miserie della vita assiciata, e un po' di serenità per affrontarle con il dovuto distacco e senza perdere il senso e il gusto della bellezza.
    Da parte mia sono piuttosto ignorante in materia, ma certo non insensibile a quei piccoli capolavori (anche in foto), così come all'arrivo dei rondoni nel cielo cittadino, che da sempre costituisce per me un piccolo evento pieno di grandissimo fascino.
    Non mi è sfuggito il calo di numero dei veloci migratori, che di solito fanno la loro comparsa verso la metà del mese; spero che la dinamica naturale, fra prede e predatori concorrenti, possa ristabilire la loro popolazione, minacciata dall'avida furia distruttiva dell'uomo sull'ambiente.

    Un saluto di tiepido e coloratissimo rinnovamento.

    RispondiElimina
  12. Caro Franz , il giardinaggio è anche una moda, non tanto per me che mi ci dedico da tanti anni , ma per molti nuovi arrivati sì. Anche questo dipende da come si affronta, può essere l'ennesimo buco dove ti vai a nascondere per non vedere il mondo e può essere una finestra sul mondo , o una porta , un golden gate, come piace pensare a me . Buona domenica.

    RispondiElimina
  13. Quanta passione e sentimento che leggo sempre nei tuoi post! Dalle tue parole traspare l'amore per la natura e per il tuo giardino!
    Come ho scritto in risposta sul nostro blog, vorrei che fossimo più vicine, te lo immagini io te e Delia passare le serate in giardino a chiacchierare appassionatamente e condividere emozioni e infervorarci per la politica?
    Anch'io spero che, come le rondini, possiamo ancora resistere allo sfacelo che è il nostro paese, per il momento ci rifugiamo nella natura e nella nostra passione.
    Un abbraccio e buona domenica in giardino! ^_^

    RispondiElimina