venerdì 8 giugno 2012

Esseri volanti



Una volta sapevo come si chiama quest'esserino frenetico che Mauro è riuscito a fissare in immagini bellissime.





Qui si vede l'occhio! Davvero a volte la macchina fotografica ci fa vedere cose che con i soli occhi ci sfuggono.


E tu chi sei ? Un bombo o un elicotterino?



Perdonate la mancanza di testo, arriverà un momento che i pensieri accumulati esploderanno, per ora formano un magma nella testa che è troppo caotico per uscire fuori in parole. La mia figlia piccola , quando io e il suo babbo parlavamo a tavola si infastidiva , un pò perché erano sempre discussioni animate , un pò perché voleva dire qualcosa anche lei . Esclamava "Mamma ! Non parlare il babbo!" (Ancora non sapeva parlare bene)
"Va bene , allora dimmi che c'è , sentiamo !"
Lei si fermava e non riusciva a spiccicare altre parole . E' rimasto nella storia quel "Non pallare i' babbo!"
Ora io faccio lo stesso , ma se vi racconto cosa è successo mi capite , forse ... Sono venuti a fare il pozzo nuovo . Qualcuno che ci è passato capirà . Per ora non dico altro , troppo magma che si agita, fino dentro la pancia .

9 commenti:

  1. Carissima,
    è tanto che non commento i tuoi splendidi post, le tue parole e le tue fotografie sono sempre fonte di grande ispirazione per me.

    un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Ciao, come va? Incredibile, ci vuole una pazienza mostruosa per riuscire a fotografare questo insetto! Complimenti!

    Ti auguro una buona serata.

    RispondiElimina
  3. Bellissime le foto....le parole saranno altrettanto belle ne sono sicura. Intanto "non pallare 'i babbo". Il resto seguirà...

    RispondiElimina
  4. Le foto superbe, poi dici che scriverai? ma non sai quante cose hai scritto, detto, e affiorato alla memoria con non pallare 'i babbo....
    un fine settimana come tu lo desideri...un sorriso
    Gingi

    RispondiElimina
  5. Le parole arriveranno ... un abbraccio.

    RispondiElimina
  6. Queste foto parlano, sai Vitamina???
    Comunque anch'io vedo spesso quell'insetto. Mia figlia da piccola sosteneva che fosse un colibrì... io ancora adesso non so proprio cosa sia.
    Un abbraccio,
    Lara

    RispondiElimina
  7. ciao.

    ah ah, con mia sorella lo chiamavamo "il colibrì dei poveri"!
    si può dire si tratti di una convergenza evolutiva e ne ricopre la stessa nicchia ecologica (quindi comportamento, dimensioni, etc).

    dovrebbe trattarsi di un lepidottero (quindi una farfalla, una sfinge) e dovrebbe trattarsi di Macroglossum stellatarum, o parenti.
    non che ne sappia di insetti, ma mi ricordo che ancora anni fa me lo ero segnato sul manualetto degli insetti dove ho guardato perchè mi ricordavo di averlo li.
    lo vedo spesso in giardino in estate.

    RispondiElimina
  8. Grazie a tutti per i commenti, le visite affettuose e i nuovi incontri (salamandra mannara, il tuo nome mi piace un sacco!) Sì , macroglossum , grande lingua, bella la "convergenza evolutiva ", anche noi lo chiamavamo colibrì ...

    RispondiElimina
  9. Adoro gli iris e le libellule mi fanno un po' paura, non so perché, ma mi piacerebbe approfondirlo, soprattuto perché non temo i ragni o gli insetti che pungono. Trovo molto belle le tue foto, particolari anche queste dell'insettino frenetico che credo proprio sia la sfinge colibrì (Macroglossum Stellatarum, come dice salamandra mannara). Ciao!

    RispondiElimina