martedì 22 aprile 2014

Uccelli e gatti

Non è per niente facile acchiappare in una foto un rigogolo, uccello grande più o meno come un merlo, ma con il petto giallo.



Quando si dorme sotto il glicine, sul tappeto di foglie asciutte, si va d'accordo. Di solito quello nero, Orazio, insegue la micia.


Qui siamo veramente molto in alto, dove arrivano pochissimi. Un giorno ho detto a Mauro che avrei voluto provare ad essere una poiana per vedere le cose da lassù, sentirmi sostenuta dalle correnti ed essere per un pò un rapace. Lui disse che poi non avrei voluto tornare indietro.

3 commenti:

  1. A proposito di volare nei cieli ....
    "L'aquila non vede la formica ma la formica vede l'aquila".
    Ciao

    RispondiElimina
  2. "Lui disse che poi non avrei voluto tornare indietro"... che bel paio formano questi due artisti.
    La lettura educa e leggerti è piacevole e formativo, o Lorenza nostra. Dove abito c'è tanto verde cittadino e qui ci fanno compagnia tante specie di uccellini. Fra loro, ora, cercherò il rigogolo... prima dal canto e poi dai bagliori gialli.
    Ciao!!

    RispondiElimina
  3. Oggi sono stata a vedere le fioriture chez Vitamina&Vitamino. Che bello!

    RispondiElimina